Margarina fa male miti da sfatare

Margarina fa male miti da sfatare

Margarina fa male miti da sfatare

Vediamo insiemi i dettagli sulla convinzione che la Margarina fa male miti da sfatare

Vi ricordate quando  primi anni ’70 si diffondeva la nuova verità su quanto potesse fare male il burro?  “il burro fa male: contiene grassi animali, quindi aumenta il colesterolo, causa diabete, obesità e malattie cardiocircolatorie varie!”.

Cosi’ la diffusione di un tipo di grasso alternativo, Ecco che i supermercati si riempivano  di margarina, il grasso vegetale di consistenza solida, praticamente un burro vegetale, privo di qualsivoglia traccia di nefasto grasso animale, quasi come si trattasse di un alimento salutare e da preferire al burro.

Ma il tutto è durato molto poco.

La margarina fa piu’ male del burro!

Allora… il mercato non si è fermato.

Arriva Montersino e si inventa Burrolì, il burro vegetale: cremoso come il burro, e vegetale come solo l’olio sa essere.

Un nuovo composto vegetale non idrogenato.

Ma sulla sua genuinità ne conosciamo poco.

Sicuramente ci sono preparazioni che hanno necessariamente bisogno di grasso e l’olio non può essere un buon sostitutivo nella ricetta per la riuscita della preparazione.

Certo preferiamo sempre e comunque il burro, eccezionalmente in casi di allergie o intolleranze o per una scelta di alimentazione vegetale utilizziamo la margarina.

 

La Rivincita delle Margarine – Le Margarine Dietetiche o Funzionali

L’industria alimentare ha risposto ai timori derivanti dall’eccesso di grassi trans nella dieta sviluppando processi produttivi che bypassano l’idrogenazione tradizionale.

Oggi, in commercio è possibile trovare anche margarine “prive di acidi grassi idrogenati” (con un contenuto trascurabile di acidi grassi trans).

Possiamo trovare anche margarine fortificate con steroli vegetali ed omega-tre, entrambi con effetti positivi sui livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

Troviamo anche margarine con Vitamina D, che oltre al noto effetto sulla salute ossea potrebbe concorrere alla riduzione del rischio cardiovascolare.

Questi prodotti di nuova generazione possono essere considerati una sorta di “rivincita delle margarine” che in tal modo divengono un alimento migliore rispetto al burro in termini di impatto metabolico e salute cardiovascolare.

Rimane comunque il dubbio sulla qualità degli oli utilizzati nella loro produzione, che almeno in teoria non può prescindere dall’impiego di una certa percentuale di oli di cocco e di palma.

Più in generale la solidità della margarina impone, per questioni fisiche, la presenza di una certa quantità di acidi grassi saturi.

Perciò, in assenza di molecole funzionali aggiunte (omega-tre, steroli, vitamina D, Vitamina E ecc.) è opinabile considerare una margarina vegetale non idrogenata migliore rispetto al burro, anche in considerazione della sua natura altamente elaborata (estrazione e raffinazione chimica degli oli, interesterificazione con catalizzatori chimici ecc.).

Leggi anche qui

Leggi anche la ricetta del pandoro senza glutine e senza latte.

Segui su Instagram @cuciniamoli per trovare tante ricette senza latte e senza glutine, Puoi trovare anche tanti video tutorial per preparare con semplicità tanti dolci e salati senza latte e senza glutine. La cucina per tutti.

cuciniamolitutti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: