Bruno Barbieri cosa non deve mancare a Natale

Bruno Barbieri cosa non deve mancare a Natale

Bruno Barbieri cosa non deve mancare a Natale

Ecco Bruno Barbieri che ci racconta cosa non deve mancare in tavola a Natale.

Bruno Barbieri cosa non deve mancare a Natale. A proposito di Natale, cosa non deve mancare in tavola durante questa festività?

Natale è il giorno in cui non bisogna essere troppo creativi perché a tavola si devono raccontare la storia e la tradizione della propria ragione, questo è imprescindibile. Ovviamente non dimentichiamoci un pizzico di creatività e contemporaneità. Io non posso pensare al mio pranzo di Natale senza il cappone, il tartufo e i tortellini. Questa è la storia della mia famiglia e non può mancare.

Come si può vivere in famiglia questo Natale nonostante le restrizioni?

È difficile stare lontani dalle persone che amiamo. Questa pandemia ci deve dare forza anche se tutto il mondo sta soffrendo. Dobbiamo stare uniti virtualmente con la tecnologia. Non bisogna mollare mai nella vita e questo virus non distruggerà l’umanità. Seguiamo le indicazioni degli scienziati, solo restando calmi potremo affrontare questa pandemia che passerà. C’è chi ha faticato tanto e chi purtroppo non c’è più (Bruno Barbieri si interrompe qualche secondo per l’emozione, ndr). Dobbiamo lottare per le persone che non sono più tra noi.

Hai un consiglio per i ristoratori che, dopo questo periodo di crisi, dovranno ripartire?

Ci sono tanti giovani che hanno iniziato questo lavoro per crearsi un futuro ma non ce l’hanno fatta solo perché hanno aperto i locali poco prima dell’inizio della pandemia. C’è chi ha investito i risparmi di una vita. A loro dico solo una cosa: ragazzi, non mollate! Quando si tocca il fondo bisogna risalire. L’importante è sapere di non essere soli. Siamo una squadra, siamo una brigata. Solo insieme possiamo affrontare questo periodo come abbiamo fatto dopo la guerra e dopo l’influenza spagnola. A Milano, nelle mense, ci sono tantissime persone che chiedono un pasto caldo e trovano belle anime che cucinano. Non ci sentiamo soli grazie ai piccoli gesti.

Quale sarà l’ingrediente del 2021 secondo Bruno Barbieri?

Il primo sarà la semplicità, il secondo sarà la pasta perché quest’ultima racconta la nostra storia. Ma ci sono tanti altri prodotti che troviamo nel nostro territorio. Bisogna cucinare con passione. Penso al soufflé, che non è italiano, ma che si può fare anche dalle lasagne con il recupero degli avanzi. Questa è una storia bella: il soufflé cresce e poi esplode come una rinascita. Questo è ciò che dobbiamo fare tutti noi.

Nella tua carriera hai avuto tantissimi clienti illustri. Ma c’è qualcuno per cui vorresti cucinare?

Sì, la Regina Elisabetta. Adoro “la Betty” e le storie che si raccontano su di lei. Ogni suo gesto rappresenta un messaggio in codice per i suoi sudditi e questo mi fa impazzire. Adoro i suoi look, sono straordinari. È una donna meravigliosa. Per lei cucinerei i tortellini e sono sicuro che la Regina apprezzerebbe.

Segui su Instagram @cuciniamoli per trovare tante ricette senza latte e senza glutine. Puoi trovare anche tanti video tutoria per preparare velocemente i nostri piatti.

Leggi anche qui, per trovare tante idee per il menu di Natale covid, senza latte e senza glutine per tutti.

Fonte huffingtonpost

cuciniamolitutti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: