Ecco i cibi essenziali per il nostro cervello

Ecco i cibi essenziali per il nostro cervello

Ecco i cibi essenziali per il nostro cervello? Il cibo non è solo un mezzo per fornire energia e materiale da costruzione per il corpo. Negli ultimi anni si comincia a riconoscergli un’importanza anche nella protezione dalle malattie dell’area cerebrale.

La ricerca ha fornito prove importantissime sull’influenza dei fattori dietetici sui meccanismi che mantengono la funzione mentale. Uno studio afferma che “Si è a lungo sospettato che l’abbondanza relativa di nutrienti specifici possa influenzare i processi e le emozioni cognitive”.

“Le influenze recentemente descritte di fattori dietetici sulla funzione neuronale e la plasticità sinaptica hanno rivelato alcuni dei meccanismi vitali che sono responsabili dell’azione della dieta sulla salute del cervello e sulle funzioni mentali”.

Gli ingredienti base

Il nostro sistema nervoso richiede vari tipi di materie prime per funzionare correttamente, come glucosio, grassi, vitamine, sali minerali e altre sostanze chimiche essenziali. L’energia necessaria è fornita dal glucosio che si ottiene dai carboidrati e da altri cibi che sono convertiti in glucosio.

Da notare poi come il cervello, una percentuale tutto sommato modesta dell’intero corpo umano, consumi ben il 19% del nostro fabbisogno energetico. Sono inoltre necessari anche proteine e grassi per sviluppare nuove connessioni o aggiungere mielina ai neuroni.

Se carboidrati, proteine e grassi vengono complessivamente chiamati macronutrienti, occorre aggiungere a queste azioni il ruolo essenziale di vitamine e sali minerali, complessivamente chiamati micronutrienti non perché meno importanti ma perché necessari all’organismo in quantità decisamente minori ma pur sempre fondamentali.

I limiti di queste ricerche

Naturalmente dobbiamo sottolineare come gli studi sulla relazione cibo-cervello. E in particolare quelli che riguardano gli effetti della carenza di determinati micronutrienti, sono piuttosto difficili da realizzare per vari tipi di ragioni.

Fattore che probabilmente ci fa capire perché gli effetti dei nutrienti sul nostro sistema nervoso e quindi sulle nostre prestazioni cognitive ed emozioni siano relativamente recenti e ben lungi dall’essere complete.

Dobbiamo tenere presente che le alterazioni del comportamento non dipendono solo da un’alimentazione “povera in determinati nutrienti”, ma sono anche ovviamente la risultante di fattori ambientali come l’educazione o situazioni sociali e familiari ma anche dovuti a differenze individuali.

È quindi piuttosto difficile riuscire a separare tutti questi fattori e stabilire in maniera chiara quanto determinate alterazioni dipendano esclusivamente dalle carenze alimentari. Leggi anche qui 

Non è poi neppure possibile, da un punto di vista etico, esporre una persona a determinate carenze di nutrienti per vedere quali siano le conseguenze sulla salute. Ma nonostante queste difficoltà, sappiamo che le influenze anche dei soli micronutrienti, di cui ci occupiamo in questo articolo, sono moltissime. FQ

 

cuciniamolitutti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: